Home

La Rete incontra la FBNAI

Una delegazione di Ex Nato Bene Comune si è incontrata giovedì 28 dicembre con il nuovo presidente della FBNAI, Patrizia Stasi, per illustrare il progetto e le attività della rete.

L'incontro si è svolto presso la sede della FBNAI, in via Don Bosco. Il presidente Stasi ha introdotto l'incontro esponendo sinteticamente l'attuale stato operativo della FBNAI e le prospettive legate all'approvazione del PUA. Sul primo versante, l'assenza di entrate finanziarie e le rilevanti spese di gestione del complesso di Bagnoli hanno determinato un drastico ridimensionamento delle attività di assistenza sovvenzionate dall'ente; permanendo queste condizioni, il prossimo esaurimento del fondo di riserva non concederebbe alla FBNAI un orizzonte operativo superiore ad 1-2 anni, ponendo all'ordine del giorno l'ipotesi del suo scioglimento.

Sul secondo versante, l'approvazione del PUA aprirebbe nuove possibilità di utilizzo del complesso di San Laise, sia per attività sociali che private: tra queste ultime, la FBNAI ha ricevuto specifiche manifestazioni d'interesse dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (per trasferirvi la sede di via Diocleziano) e dall'Università "Federico II" (per insediarvi uno studentato). La Fondazione, da parte sua, intende promuovere alcuni progetti specifici (Museo del giocattolo popolare) ed iniziative per coinvolgere realtà nazionali del terzo settore al recupero del complesso edilizio (dati i costi elevati per la messa a norma degli edifici), puntando anche sull'insediamento di attività produttive, commerciali ed abitative (start-up giovanili, ristoranti, housing,...) che arricchiscano l'offerta urbana dell'area. Pur essendo intenzionata a programmare fin d'ora aperture periodiche dell'area al pubblico (è prevista l'organizzazione di una Festa di primavera) e destinare uno spazio alle riunioni delle associazioni di quartiere,  la Fondazione intende mantenere un accesso limitato (tramite il servizio di vigilanza privata e specifici orari di ingresso) finché il livello di utilizzo dei locali non garantirà una frequentazione del complesso atto a garantirne la sicurezza. In tal senso, la Fondazione è interessata ad una rapida approvazione dello strumento urbanistico attuativo. La proposta di PUA è stata definita e consegnata al Comune di Napoli a metà dicembre e nei prossimi mesi avranno luogo i confronti istituzionali propedeutici alla sua approvazione, che potrebbe avvenire in primavera; è però intenzione della Fondazione organizzare preliminarmente a tale approvazione un momento di condivisione con le realtà associative del territorio, cui sarà previamente fornita la documentazione di piano per consentire la presentazione di osservazioni.

La delegazione della rete Ex Nato Bene Comune ha esposto il percorso che ha portato i diversi soggetti componenti ad interessarsi delle sorti dell'area, a partire dalla collaborazione con il Comune di Napoli per la manifestazione di interessi presentata nel 2013, fino alla promozione della campagna per costituire una cooperativa di comunità, tesa ad organizzare democraticamente produttori e fruitori di servizi a finalità sociale da insediare nel complesso; è stato posto l'accento sulla volontà di confrontarsi da subito con i problemi economici connessi a riuso del complesso, a partire dalla organizzazione nei prossimi mesi uno specifico convegno.

Il presidente Stasi ha manifestato interesse per l'iniziativa e disponibilità a confrontarsi con le future proposte della rete, anche partecipando a specifici incontri; ha inoltre concordato sull'esigenza di un progetto complessivo per l'area che selezioni le attività da insediare, sempre attraverso bandi di evidenza pubblica, ed eviti uno "spezzatino" di usi eterogenei.

Una diversità di opinioni si è riscontrata sulle concessioni in vigore per alcune strutture dell'area (piscina, aree agricole), laddove alla richiesta della rete di valutare l'opportunità di una loro rescissione, la presidente ha opposto vincoli di ordine amministrativo. 

A conclusione dell'incontro, il presidente Stasi ha accettato la richiesta della rete Ex Nato di organizzare per fine mese una visita pubblica ai luoghi da parte di una delegazione di associazioni e cittadini: la data è stata fissata per il 9 febbraio.

Incontro Rete - FBNAI 28.12.2018